lunedì 27 giugno 2016

HALO the flood (v1.0/2003)

Di solito non faccio recensioni a libri di SciFi altrui o collane commerciali, ma poiché la risorsa di cui mi accingo a discutere é FREE si trova facilmente in Internet, querando con la stringa:"halo ebook pdf download" ho deciso di darci un'occhiata dentro!.

La saga di HALO é stata trasposta in narrativa letteraria: 302 pagine per XII capitoli, in media 25 pagine per capitolo. Non ci sono immagini all'interno dell'ebook, il testo é impaginato in piccoli paragrafi spaziati, la voce narrante é data da un narratore esterno in terza persona. L'autore fa largo uso di dialoghi diretti, descrizioni che dopo poco sembrano una serie ripetitiva di logs di missione, privi di mordente per il lettore. La combinazione tra paragrafi brevi e spaziati + scarni dialoghi diretti, genera formalmente ampi spazi vuoti, per cui l'impaginazione é snella. Nonostante questa leggerezza formale, il testo é IMHO noioso, non appassiona.


Spartan 117 é il personaggio principale della saga, parla pochissimo ed é impermeabile al narratore onniscente!. Questa ermeticità fa apparire Master Chief più come un robot da combattimento che un essere umano, rispetto a come é invece dipinto nei giochi e nelle webseries. L'intreccio narrativo é assemblato in modo banale, il preambolo serve a disegnare lo scenario di fondo, non ci sono flashback, flashforward o montaggi per CUT. La descrizione delle scene d'azione IMHO diventa rapidamente ripetitiva, priva di mordente e la lettura piatta e scialba. Confesso che dopo il 20% delle pagine lette, ho mollato il testo, non potendone più

IMHO la voce narrante non avrebbe dovuto essere onniscente o tantomeno esterna, ma IMHO avrebbe dovuto essere quella di SPARTAN_117 raccontando le vicende secondo il suo punto di vista. Di cose da dire ce ne sarebbero state comunque molte, per interessare ed appassionare il lettore, benché il format Micro$oft avesse previsto un'alea di mistero attorno al personaggio principale Master Chief. 

Non c'é traccia nel testo di un format narrativo in stile Salgariano oppure sul genere "commercial sciacquetta adventure" alla 007 oppure all'Indiana Jones e questo nonostante il libro provenga dal mondo dei videogame, con target i teenagers.

L'ebook sarebbe la trasposizione in narrativa di un videogioco, quindi IMHO avrebbe potuto (e forse dovuto) essere composto nel concept del Multitrama, rendendone la lettura sia più coinvolgente, quanto interattiva!.


sabato 25 giugno 2016

prima di -the midwich cuckoos- J.Wyndham (1957) era -the country of the blind- (1904) H.G. Wells

Nel 1904 H.G. Wells scrisse la novella -the country of the blind- fu ristampata su Amazing Stories n°9 dicembre 1927

Wells immagina un piccolo paese disperso tra i monti del Perù che per cause endemiche, la popolazione perda la vista e rimanga per lunghi decenni, senza contatti con l'esterno. La vita della popolazione cieca si divide in: caldo (giorno) in cui la gente dorme, freddo (notte) in cui la gente lavora. Gli uccelli sono definiti angeli con il loro canto, ma non si possono toccare. In questo mondo chiuso e particolare, un soggetto esterno entra in contatto a causa di un incidente di viaggio, accadutogli in un passo di montagna. Il nuovo arrivato, cercherà di spiegare la vita alla popolazione che é rimasta cieca e fuori dal mondo, ma non verrà creduto. Dopo varie vicissitudini, il protagonista fuggirà ritornando alla civiltà.
https://en.wikipedia.org/wiki/The_Country_of_the_Blind

Il plot di un quasi super-uomo che entra in contatto con un villaggio popolato da soggetti con minori capacità, venne rimaneggiato e permutato nel libro "the midwich cuckoos" di J.Wyndham nel 1957.
https://it.wikipedia.org/wiki/I_figli_dell%27invasione

In questo caso il villaggio di non vedenti di Wells, si declinerà (nel plot di Wyndham) in un normale villaggio inglese (assieme a vari altre piccoli centri nel mondo) mentre il protagonista vedente di Wells, sarà permutato in vari bambini alieni dotati di superpoteri (non a caso dai particolari colori degli occhi), Non c'entrano niente gli irrazionali miti medioevali dei figli albini, infatti sia Wells che Wyndham mostrano l'impossibile coesistenza dei due mondi che si trovano a contatto (mentre le persona albine, non hanno niente di diverso dagli altri esseri umani), trovando però nell'opera di Wyndham un epilogo diverso (ossia opposto a quello proposto da Wells).

I figli dell'invasione, verrà portato su pellicola nel 1960
https://it.wikipedia.org/wiki/Il_villaggio_dei_dannati

Fu poi ri-proposto dal cinema un suo remake nel 1963
https://it.wikipedia.org/wiki/La_stirpe_dei_dannati

quindi dopo 30 anni fu prodotto un terzo remake, curato da Carpenter nel 1995
https://it.wikipedia.org/wiki/Villaggio_dei_dannati

mercoledì 22 giugno 2016

prima di "the car" (1977) era SciFi Theatre "the phantom car" (1956)

Nella serie Science Fiction Theatre seconda stagione, all'episodio n°14 del luglio 1956 intitolato -the phantom car-
Una convertibile bianca senza guidatore viene avvistata nel deserto e ferisce la moglie di un geologo. La polizia locale indaga, ma non riesce a fermare l'auto che guida senza avere nessuno a bordo e viene definita l'auto del diavolo o degli alieni. Successivamente sarà trovato ferito lungo una strada, un professore del luogo, che aveva ideato l'auto drone, guidabile da remoto. I segnali radio dei radar interferivano però così tanto con le apparecchiature che aveva perso il controllo dell'auto-drone. Prima che l'auto-drone priva di ogni controllo entri nel piccolo paese di Mesa City falciando inconsapevoli pedoni, la polizia locale riuscirà a spengere l'apparato di radio-controllo sito nel garage-laboratorio dell'inventore, evitando il peggio.

si gettano le basi del plot per quello che poi Hollywood nel 1977 riciclerà nel film horror -la macchina nera-

https://en.wikipedia.org/wiki/The_Car
https://it.wikipedia.org/wiki/La_macchina_nera

lunedì 20 giugno 2016

Anubi's Wars -parte II (v1.0)

Anubi's Wars (parte II)

omaggio Science Wonder Stories –luglio 1929- in particolare al racconto “The menace from below” di H.Vincent, assemblando un plot remix in multitrama.


File rintracciabile anche su questi altri clouds:

venerdì 17 giugno 2016

La collana JDAB é per gli utenti che non sono abituati a leggere!

E' una collana di ebook pensata per akkiappare i lettori che non leggono, inducendoli a riprendere la lettura!. La comunicazione della collana punta molto sugli ebook trailer (che autoproduco con risorse in copyleft). Non considero Fe$$buck un canale di comunicazione utile, perché se un utente non legge, di certo non bazzica i forum di scrittura, neppure le pagine fessbuck dei forum di scrittura, tantomeno si pone il problema di leggere qualcosa da Fe$$buck e neppure frequenta i clouds con le risorse FREE PDF.

Se un lettore non legge,
probabilmente fruirà youtube, quindi:

Buona visibilità su google & youtube
https://www.google.it/search?q=ebook+trailer+fantascienza
https://www.youtube.com/results?search_query=ebook+trailer+fantascienza

Discreta visibiltà su youtube
https://www.youtube.com/results?search_query=ebook+trailer

Mi si dirà:

1-sono stringhe di ricerca con il termine "ebook trailer + fantascienza"
2-é query composta e se l'utente non legge, di certo non cercherà queste stringhe.

E' vero!, però é anche discreta la visibilità dei piccoli ebook trailer anche su altri argomenti a cui sono correlati da youTube e potrebbero essere fruiti incidentalmente oppure volutamente proprio per curiosità. Quindi scegliere le tematiche trattate & profilare bene tag & titoli dei files, diventano attività molto importanti, dato che c'é da tenere presente che sarà un algoritmo su un computer e non un essere umano, a correlare i contenuti!.

Scorrendo l'ultimo link sugli ebook trailer, si nota quanto pochi siano i titoli italiani in YouTube con ebook trailer!. In breve gli autori e le case editrici (che producono ebook per soldi, non perché abbiano qualcosa da dire) hanno una comunicazione stupida IMHO, sono ripiegati su se stessi, sempre sul solito bacino (i lettori forti) nessuno si pone il problema di contattare nuovi lettori, per allargare il mercato!!.

Il perno della comunicazione della collana JDAB é l'ebook trailer!.
Mi sforzo d'assemblare ebook trailer accattivanti, con poca roba scritta e qualche immagine, ma niente animazioni o corti cinematografici. Questo perché un libro non é un film, un libro é qualcosa da leggere, non é qualcosa da vedere quindi questa banalità deve essere chiara sin dall'inizio!. IMHO é importante non deludere le aspettative del lettore, deve essere chiaro sin da subito che il trailer é quello di un libro!!. In un libro il lettore troverà immagini e discorsi e non film o corti cinematografici o cartoni animati. Sembra banale :-) ma imho é importante scremare i beoti che pensano che un libro si legga da se :-) come un filmato audio oppure un film oppure scambino un ebook trailer per un promo di una webserie, film o telefilm...

Penso sia utile che l'ebook trailer debba essere corto, perché la vita é breve!.

Si spera che l'ebook trailer possa intrattenere, interessare, incuriosire l'utente (non abituato a leggere) al punto da indurre una breve lettura d'impulso, giusto per saperne di più sulla risorsa free, su cui é incidentalmente inciampato in youtube!.

a) per cui l'utente può scaricare la risorsa in PDF, in Copyleft, che compare direttamente da un paio di clouds con un click.

oppure

b) l'utente potrebbe cliccare e visionare il post di presentazione dell'ebook (sul mio blog) dal quale può scaricare la risorsa dai clouds per una lettura offline, oppure effettuare una lettura online.

eventualmente

c) il soggetto, potrebbe anche clikkare sul link dove reperire copie gratis di Amazing Stories, Wonder Stories, Amazing Stories Quaterly, If worlds of science fiction ed altri FREE pulp mags.

E' basilare che ci sia una fruizione facile, gratuita del PDF+Copyleft, in modo da legare la curiosità scatenata dall'ebook trailer, seguito dal click d'impulso, ad una lettura preliminare del PDF (che spero che poi si trasformi in una lettura esaustiva, dato che l'instant ebook é sempre molto corto).

Chi non é abituato a leggere, suppongo che voglia libri non impegnativi, fruizione semi-istantanee, quindi il testo deve avere poca complessità, discorsi chiari, atmosfere immediate, impaginazione leggera e sopratutto con gli stessi topic di Scifi (che trova nel mondo PC e console e youtube). Ovviamente, un ebook ben scritto ma senza troppi cervellotismi o palloccolami pissico-cervellotici.

Format della collana:
-copertina con impaginazione costante, con link del blog di SciFi (per differenziare gli ebook della collana jdab, dagli altri ebook) ovviamente link sul mio blog, con il tag JDAB che spiega di che cosa si tratta. 

-nel testo c'e' sempre una introduzione, una breve sintesi del racconto a cui é destinato l'omaggio di Fantascienza.


-sono sempre presenti delle immagini (colori o bianco e nero) per alleggerire l'impaginazione ed orientare l'immaginazione del lettore. Hanno sempre carattere di "citazione" e la qualità é sempre molto bassa, poi stando in un prodotto FREE non dovrebbero indurre a problemi legali. Le immagini sono utili per agevolare la lettura (l'utente non abituato a leggere, IMHO finirebbe per scoraggiarsi in un libro privo d'immagini e popolato solo da chilometri di colonne di scritto) 


-fondamentale che gli instant ebook non siano mai troppo lunghi come pagine: da poche pagine a meno di 50 pagine (gli altri testi di SciFi lineari pagine<100 ) 


-tecniche letterarie: preferibilmente intrecci con montaggio in stile cinematografico con CUT, flashback, flashforward, plot of action, raramente il plot of character, quasi mai il plot of thought
https://en.wikipedia.org/wiki/Plot_(narrative)

-i refusi sono quasi assenti (anche se a volte qualcuno se ne trova, ahime! gli aggiunge spesso la mia printer PDF che ha un malware incurabile) 


-a me piace il Verdana in 14, con un'interlinea grande e ben spaziata da 1.5, aiuta IMHO anche gli ipovedenti (oltre alla magnification dei lettori pdf) con capoversi ben spaziati, nel rendere la lettura chiara snellendo l'impaginazione del blocco testo.


-sempre e solo in PDF, perché l'ePUB non é immediatamente apribile dentro ad un browser dopo un download di un file, inoltre ePUB é deleterio per il MULTITRAMA meglio il PDF

-plot lineari di Fantascienza con qualche titolo in Multitrama, senza fare distinzione tra i due concept letterari nella collana (questo per canalizzare i lettori JDAB sul multitrama e viceversa) 


-temi di fantascienza a mio gusto personale, frequenti link sulla Narrativa del climate change, qualche racconto INTERQUEL che si leghi con altre collane di ebook (per canalizzare i lettori a leggere anche gli altri testi).

Titoli attualmente disponibili nella collana JDAB

Non é una cosa facile accalappiare nuovi lettori!.
E non é nemmeno detto, che io ci stia riuscendo.

martedì 14 giugno 2016

Che impatto possono avere gli ebook trailer in YouTube sul download di un ebook?!

Alcune cifre, mescolando dati di ebook che non sono misurabili in quanto

-Gli argomenti delle collane non sono omogeni, quindi non sono confrontabili e sommabili.
-I dati sono aggregati per linee di ebook e non per singolo ebook
-Molti ebook trailers presi a riferimento erano sintesi dell'ebook e non ebook trailers.
-per nuovo medioevo non é possibile stabilire il numero di letture effettuate.

Campagna sui lettori di Odd hot cup of tea a supporto di www.omaha-beach.net
i lettori della Saga Guerre Puniche II & WWIII
chi sono i lettori degli Scenari Strategici
chi sono i lettori di paleoufologia razionale

La media generale é di un download d'impulso del 39% ossia circa il 39% di quelli che visionano il file multimediale via YouTube, potrebbero averlo scaricato d'impulso o per interesse!.

Escludendo i clip multimediali di Paleoufologia e degli Scenari Strategici (che sono vere e proprie sinossi degli ebook di argomenti non omogenei), gli unici due ebook trailer online da più di un anno, hanno generato un clik d'impulso di circa il 42%.

A fine anno valuterò i dati sulla collana di SciFi: intervista dalle colonie extramondo, Warning Area51, Raumpatrouille, Project UFO, che faranno più di un anno online.

Per la collana JDAB e per Stargate rebooting c'é da aspettare di più, essendo ebook uppati da poco e che per carenza di spazio su Joomag non li ho potuti collocare!

Storia della Fantascienza: cosa resta di hard SciFi dopo l'asfalto di Potter?!


Nel 1926 nacque la Fantascienza per mano di Hugo Gernsback che inventò l'etichetta "Scientifiction alias Science Fiction ossia Fantascienza". Dal 1926 sino al 1960 proliferarono le riviste PULP: Amazing Stories, Wonder Stories, Startling Stories, If worlds of science fiction ecc... Il conflitto mondiale della WWII indusse una penuria di carta così si ebbero a ridurre le pubblicazioni. Negli anni a venire, il crescente costo della distribuzione/carta, nonché la grande concorrenza tra le riviste pulp e fumetti, quindi la nascita di nuovi media (televisione e serie tv, cinema a colori + effetti speciali e poi dopo elettronica di consumo) decretarono la morte delle riviste di narrativa di fantascienza negli USA.

La corrente letteraria della "NEW WAVE" (1960s-1970s) concorse negativamente a far perdere lettori: il mercato della narrativa non fu ricettivo sia per i temi scottanti che ebbe a trattare, quanto per la concorrenza che subì con altri media (fumetti, televisione, cinema e console e computer). 

La corrente letteraria "CYBER PUNK" (1980s) ebbe a riguadagnare qualche lettore, essendo gli autori del tempo consci della rivoluzione informatica, da cui estrapolarono tematiche. Tuttavia, i crescenti prodotti di SciFi per console e computer, effetti speciali in digitale nel cinema, sentenziarono la morte della hard SciFi in narrativa.

Negli anni 1990s-2000s dominò la narrativa del Fantasy con Harry Potter & sue varianti,che asfaltò le pubblicazioni di hard SciFi. A grandi linee oggi, il Fantasy (un sub-genere di Fantascienza) é presente in narrativa, nei fumetti + cinema, mentre la hard SciFi (SciFi di Gernsback) domina nel cinema e nei videogiochi (pc+console). I moderni canali di comunicazione della Fantascienza

Cosa resta di globalizzato e commerciale di hard SciFi, dopo l'asfaltatura fantasy di Potter?!

Harry Potter è esploso nel 1997 in soli 10 anni (1997-2007), l'intera serie ha venduto circa 450 milioni di copie, i libri sono stati tradotti in 77 lingue. HALO la saga di hard SciFi nacque come FPS, sino al 2013 ha venduto più di 55 milioni di copie in tutto il mondo, assieme ad una lunga serie di romanzi, fumetti, un'enciclopedia, una serie di cartoni animati, una web serie.
https://it.wikipedia.org/wiki/Halo
https://it.wikipedia.org/wiki/Harry_Potter



Probabilmente c'é solo HALO come prodotto SciFi che ha scollato l'asfalto di Potter, benché HALO non abbia ancora uno sbocco cinematografico (per diatribe legali sulle sue royalties) non é difficile supporre (guardando al successo di Iron Man) che una triologia cinematografica di HALO sbancherebbe i botteghini!. 
Vedi ancheHALO (2001) dalla console ai libri, fumetti, web series

Il fenomeno narrativo del mondo di HALO non ha fermentato un manifesto letterario globale, con molti scrittori affiliati allo stesso genere, mentre il successo fantasy di Potter ha fatto lievitare il genere Fantasy, moltiplicando cloni e permutazioni narrative dello stesso genere.
http://www.focus.it/scienza/scienze/halo-reach-200-milioni-di-dollari-in-un-giorno
classifiche di vendita videogame
classifica cinema, maggiori incassi

Quali potrebbero essere le prospettive per il mercato della narrativa di Fantascienza?!

In Italia probabilmente poche, considerando le attese di mercato della narrativa.
copyright, copyleft, pubblico-dominio, modelli giuridico-economici per l'editoria

Nel mondo la narrativa di SciFi ha invece parecchie opportunità, considerando la potenziale massa di consumatori cinesi ed indiani, sempre che... il settore dei videogiochi e dei fumetti, non taglino le ali alla narrativa!.

domenica 12 giugno 2016

Anubi's Wars (v1.0)

Anubi's Wars
Omaggio Amazing Stories Quaterly –autunno 1928- in particolare al racconto “Stenographer’s hands” di D.H.Keller M.D. assemblando un plot remix in multitrama




Ebook rintracciabile anche su altri clouds:
https://www.scribd.com/doc/315480608/anubi-s-war

Collana JDAB-Joint Direct Attack Book


distopia: Fahrenheit 451 (1966)


Guy Montag é un pompiere, oltre a spengere incendi, i pompieri inglesi hanno anche il compito di bruciare i libri, perché i cittadini devono utilizzare solo la televisione per istruirsi od informarsi. Un giorno, per curiosità, Montag legge un trafiletto di un libro che avrebbe dovuto bruciare ed attirato dalla lettura, inizia a leggerne, violando la legge. La vicina Clarisse anche lei é una lettrice; tra Montag e Clarisse nasce un'affinità, poi un'amore, mettendo in crisi il matrimonio di Montag. Dopo vari vicissitudini, Montag incontra altri oppositori del regime che fuggiti dalla società, cercano di mantenere viva la memoria delle opere letterarie che sono state distrutte. Sulla città esploderà un ordigno nucleare, Montag accorrerà per prestare soccorso ai sopravvissuti.
https://it.wikipedia.org/wiki/Fahrenheit_451

http://www.librosdearena.es/Biblioteca_pdf/farenheit%20451.pdf
Il finale del film é diverso, nel film: Montag e Clarisse si ritrovano finalmente nella città degli uomini-libro, vivendo una storia d'amore.

https://it.wikipedia.org/wiki/Fahrenheit_451_(film)
La distopia ambientata in Gran Bretagna, non ha mai trovato una sua realizzazione: il tempo l'ha trasformata in ucronia!. 

La trama sembra più attinente all'ideologia nazista, nella notte dei cristalli, con forti attinenze alle restrizioni ideologiche che erano presenti durante la guerra fredda in URSS con il KGB, violando sistematicamente la libertà privata, piuttosto che riferirsi ad eventi di cose a venire!

giovedì 9 giugno 2016

le radici della SciFi: autori di proto-fantascienza!

E' indiscutibile che oggi alcuni autori di SciFi con molte opere già in pubblico dominio, siano stati dei grandi della Fantascienza, elaborando storie what/if su quasi tutti i temi che poi finirono rimaneggiati o permutati in altro modo, da successivi autori. E' utile ricordare ed omaggiare tali personaggi sconosciuti o quasi, al pubblico dei tempi moderni, con una breve directory.


Precursori di proto-fantascienza: 


Jonathan Swift (Dublino, 30 novembre 1667 – Dublino, 19 ottobre 1745) fu scrittore e poeta irlandese, autore di romanzi e pamphlet satirici. Spirito libero e razionale, pastore anglicano di posizioni eterodosse, si occupò di politica e religione, mettendo in luce follia e presunzione umana, la sua opera satirica più nota é -I viaggi di Gulliver-
https://it.wikipedia.org/wiki/Jonathan_Swift


Eliza Haywood (Londra, 1693 – 25 febbraio 1756) è stata una scrittrice, un'attrice, una pamplettista inglese: ha scritto e pubblicato oltre settanta opere durante la sua vita, tra fiction, spettacoli teatrali, traduzioni, poesia, periodici, romanzi, ecc... La sua opera di proto-fantascienza più famosa "the invisible spy" : un alieno invisibile dotato di un magico tablet, registra storie, aneddoti, dialoghi di ciò che visita sulla Terra.
https://en.wikipedia.org/wiki/Eliza_Haywood

Voltaire pseudonimo di François Marie Arouet (Parigi, 21 novembre 1694 – Parigi, 30 maggio 1778) è stato un filosofo, drammaturgo, storico, scrittore, poeta, aforista, enciclopedista, autore di fiabe, romanziere e saggista francese. La sua opera di proto-fantascienza più nota é "Micromega" dove narra i viaggi di un alieno nel cosmo.
https://it.wikipedia.org/wiki/Micromega

Olof von Dalin (Vinberg, 29 agosto 1708 – Drottningholm, 12 agosto 1763) è stato un poeta e storico svedese. Precettore del futuro Gustavo III, Dalin fu il primo rappresentante e divulgatore dell'Illuminismo nei paesi scandinavi; la sua attività si realizzò attraverso il giornale satirico. La sua opera di proto-fantascienza é -The tale of Erik and the Goths- in cui narra di visite extraterrestri sul pianeta Terra.
https://it.wikipedia.org/wiki/Olof_von_Dalin

Louis Sébastien Mercier (Parigi, 6 giugno 1740 – Parigi, 25 aprile 1814) è stato uno scrittore e drammaturgo francese, il primo ideatore della tematica del viaggio nel tempo, pubblicò la sua opera -L’An 2440- nel 1770. Il protagonista s'addormenta e si ritrova catapultato nel futuro, dove ha modo di visitare il mondo del 2440. Il mondo futuro é rappresentato in modo puerile e pregno della visione illuministica, poi il visitatore torna a destarsi, potendo fare ritorno nel suo tempo.

Giganti di proto-fantascienza!.


Mary Shelley, nata Mary Wollstonecraft Godwin (Londra, 30 agosto 1797 – Londra, 1º febbraio 1851), fu una scrittrice, saggista e biografa inglese. È l'autrice del romanzo gotico Frankenstein (Frankenstein: or, The Modern Prometheus), pubblicato nel 1818; curò, inoltre, le edizioni delle poesie del marito Percy Bysshe Shelley, poeta romantico e filosofo. Era figlia della filosofa Mary Wollstonecraft, antesignana del femminismo e del filosofo e politico William Godwin.
https://it.wikipedia.org/wiki/Mary_Shelley

Edgar Allan Poe (Boston, 19 gennaio 1809 – Baltimora, 7 ottobre 1849) fu uno scrittore, poeta, critico letterario, giornalista, editore e saggista statunitense. Considerato uno dei più grandi e influenti scrittori statunitensi della storia, Poe fu l'iniziatore del racconto poliziesco, della letteratura dell'orrore e del giallo psicologico e di proto-fantascienza.
https://it.wikipedia.org/wiki/Edgar_Allan_Poe

Jules Verne, spesso italianizzato in Giulio Verne (Nantes, 8 febbraio 1828 – Amiens, 24 marzo 1905), fu uno scrittore francese. Considerato oggi tra i più influenti autori di storie per ragazzi e, con i suoi romanzi scientifici (quella che poi diventerà la Fantascienza, per mano di Hugo Gernsback), Verne fu uno dei padri della moderna fantascienza, il successo giunse nel 1863, quando si dedicò al racconto d'avventura.
https://it.wikipedia.org/wiki/Jules_Verne

Abraham Stoker, detto Bram (Clontarf, 8 novembre 1847 – Londra, 20 aprile 1912), è stato uno scrittore irlandese, divenuto celebre come autore di Dracula, uno fra i più conosciuti romanzi gotici del terrore. Nonostante il plot sia più Fantasy che hard SciFi, la tematica "sukkiasangue" é la matrice sia del genere vampiro harmony, quanto caratteristica frequente appioppata a molti alieni, immaginati nella hard SciFi
https://it.wikipedia.org/wiki/Bram_Stoker

Emilio Carlo Giuseppe Maria Salgàri (Verona, 21 agosto 1862 – Torino, 25 aprile 1911) è stato uno scrittore italiano di romanzi d'avventura molto popolari. Autore straordinariamente prolifico, è ricordato soprattutto per essere il "padre" di Sandokan, del ciclo dei pirati della Malesia e dei corsari delle Antille. Scrisse anche romanzi storici, storie fantastiche, un romanzo scientifico precursore della fantascienza.
https://it.wikipedia.org/wiki/Emilio_Salgari

Herbert George Wells, (Bromley, 21 settembre 1866 – Londra, 13 agosto 1946), fu uno scrittore britannico tra i più popolari della sua epoca; autore di alcune delle opere fondamentali della fantascienza, è ricordato come uno degli iniziatori di tale genere narrativo. Fu comunque uno scrittore prolifico in molti generi, tra i quali narrativa contemporanea, storia e critica sociale. Wells fu un franco sostenitore del socialismo e del pacifismo, come dimostrano le sue ultime opere, divenute gradatamente più politiche e didattiche. I romanzi nel mezzo della sua carriera (1900-1920) furono più realistici, contemplando la vita della classe medio-bassa: la "Nuova donna" e le suffragette. Fu un forte assertore dell'idea di "Stato mondiale", alla cui promozione dedicò l'ultima parte della propria vita.
https://it.wikipedia.org/wiki/H._G._Wells
H.G.Wells free Ebooks

Il capitano Herman Potočnik (Pola, 22 dicembre 1892-Vienna, 27 agosto 1929) fu messo a riposo dall'esercito austriaco per tubercolosi. Nel 1928 pubblicò il suo unico libro, con lo pseudonimo "Hermann Noordung" intitolato "Il problema della navigazione dello spazio - Il motore a reazione", che l'editore berlinese Richard Carl Schmidt fece uscire con l'anno di edizione 1929. In 188 pagine e oltre 100 illustrazioni, Potočnik propose diverse possibili realizzazioni di stazioni spaziali, satelliti geostazionari. Descrisse anche  i tre moduli di cui si sarebbe dovuta comporre una stazione spaziale a forma di  di ruota abitata che avrebbe prodotto gravità artificiale e sarebbe sostare a 36000km. Alimentata da energia solare, dotata di connessioni radio e telefotografia. Predisse la costruzione di enormi telescopi per studiare il cosmo, e la costruzione di satelliti in orbita geosincrona. Nel 1929 il suo testo fu tradotto in inglese e pubblicato su Science Wonder Stories nello stesso anno dall'editore Hugo Gernsback
Hermann Noordung

Franz Kafka (Praga, 3 luglio 1883 – Kierling, 3 giugno 1924) è stato uno scrittore praghese di lingua tedesca. Nato sotto nei territori dell'Impero Austro-Ungarico, è ritenuto una delle maggiori figure della letteratura del XX secolo, esponente del modernismo e del realismo magico. La sua opera principale -la Metamorfosi- pur non soffermandosi sulle cause fantascientifiche della trasformazione in mostro, elabora comunque concetti dell'uomo-mostro oppure del mutante, o della trasformazione in alieno (vedi saga Alien). https://it.wikipedia.org/wiki/Franz_Kafka

Karel Čapek ( Malé Svatoňovice, 9 gennaio 1890 – Praga, 26 dicembre 1938) è stato un giornalista, scrittore e drammaturgo ceco, figlio di un dottore, studiò filosofia a Praga per poi divenire giornalista. Assieme al fratello Josef elaborò i suoi primi scritti e varie letterarie, é famoso perché nella sua opera "Rossumovi univerzální roboti" fu il primo a coniare il termine "robot".
https://it.wikipedia.org/wiki/Karel_%C4%8Capek



-HALL OF FAME di proto-fantascienza pre-1926



genesi del Viaggio nel tempo: L.S.Mercier
genesi dell'invasione aliena: H.G.Wells
genesi del Primo contatto: E.Haywood, J.Swift
genesi del Viaggio interstellare: J.Verne, H.G.Wells
genesi di Tecnologia immaginaria: E.Haywood, J.Verne, H.G.Wells, E.Salgari
genesi dell'Extraterrestre: Voltaire, O.Dalin
genesi dell'Androide/Cyborg: M.Shelley
genesi del robot: K.Capek
genesi di Zomby,Mostro,Mutante: E.A.Poe, A.Stoker, F.Kafka 
genesi di tutta la storia umana dell'astronautica: Herman Potočnik


N.B:
Questo post sulle radici della SciFi gradualmente verrà modificato con il tempo, non é da intendersi come un elenco ragionato esaustivo, ma solo un'esame campionario su alcune sorgenti di Fantascienza particolarmente influenti!.


Ovviamente limitandomi ad analizzare alcune riviste (Amazing Stories, Wonders Stories, IF worlds of science fiction, Startling Stories ed altre), non é possibile definire uno scibile esaustivo e completo sulle radici della fantascienza


Vedi anche: Amazing Stories & Wonder Stories le radici della SciFi

Molto altro fu prodotto nel tempo, dalla New Age, CyberPunk, dal cinema e da altre serie tv, tuttavia é un fatto che in termini di fatturato dal 1990 la narrativa di Fantascienza sia stata asfaltata dal Fantasy (che é un suo spin-off). E' un altro fatto che i temi di SciFi oggi dominino nei Videogame, Cinema/TV, avendo però perso la predominanza nella Narrativa. Vedi la Fantascienza nei Media.

Se tutto questo é accaduto IMHO non si può incolpare i nuovi canali di comunicazione (fumetti, televisione, console e computers) che si sono aggiunti sul mercato, inaridendo la lettura, perché é indubbio che ci sia stata anche una co-responsabilità degli autori e delle linee editoriali nella scelta dei plot, che non hanno trovato il riscontro nel pubblico, finendo per restringere la platea dei lettori (almeno in Italia).

martedì 7 giugno 2016

Verne nel 1904 é il babbo dei Transformers

Nel 1904 J. Verne pubblicò la novella -the master of the world- il SEQUEL di Robur il conquistatore. Il protagonista (una sorta di clone del capitano Nemo, figura narrativa cara all'autore) dopo aver dimostrato al mondo che il più pesante dell'aria avrebbe dominato i cieli, scomparve per sviluppare in segreto una fantastica macchina: l'epouvante (lo spavento). L'epouvante era un mezzo meccanico che poteva effettuare letteralmente una metamorfosi 
da macchina<->nave<->aereo<->sommergibile e viceversa. Si verificheranno misteriosi avvistamenti e strani fenomeni nel mondo, dopo varie vicissitudini accadute da chi decise d'indagare su questi anomali avvistamenti, il protagonista darà di matto, finendo (forse) folgorato da un fulmine.
https://it.wikipedia.org/wiki/Padrone_del_mondo_(Jules_Verne)

Se siete rimasti a bocca aperta, chiudetela: Verne é proprio il papà dei TRANSFORMERS

Il suo bel racconto di Fantascienza, fu ri-pubblicato su Amazing Stories n°11 del febbraio 1928.

Hollywood clonerà il soggetto di Verne pubblicato da Amazing Stories, moltiplicherà il transformer in vari altri oggetti robotici, v'introdurrà un'Intelligenza Artificiale, permutando così la paternità in artefatti alieni, v'inserirà spettacolari effetti speciali fatti al computer, quindi incasserà milioni di dollari!. Il tutto senza mettere nemmeno una citazione a Verne e facendo dimenticare a tutto il mondo, che il papà dei Transformer é Jules Verne!.


sabato 4 giugno 2016

rimpasti sul viaggio temporale: Stargate Continuum


https://it.wikipedia.org/wiki/Stargate:_Continuum
La guerra con i Goaud é terminata con la vittoria dei terrestri, jafar, tokra, asgard. Ma Baal ha inventato una macchina del tempo in un altro tempo e spazio, prima di essere catturato il goaud agisce nel passato della storia umana per bloccare il programma Stargate SG1, per cui l'attuale linea di futuro subisce paradossi temporali a causa dei cambiamenti del passato. La Terra nel XX secolo torna ad essere invasa dai goaud, non ci sono difese efficaci, ne alleati alieni su cui contare, non ci sono zpm per alimentare l'arma degli antichi che é sotterrata in Antartide. La squadra SG1 tenta di raggiungere il pianeta della macchina del tempo da dove Baal ha iniziato l'incursione temporale, per provare a rimettere le cose in ordine. Scoppia un conflitto a fuoco con i goaud, solo il colonnello Mitchell si salverà riuscendo a ritornare ancora piu' indietro nel tempo, salvaguardando l'originaria linea temporale, riuscendo a debellare l'attacco di Baal negli anni trenta durante il trasferimento segreto via mare dello Stargate, dall'Egitto negli USA.

Film per la TV che come ucronia, s'affianca alla saga Stargate SG1, buoni effetti speciali, scadente l'evoluzione della trama che diventa troppo missione impossibile per i nostri eroi, ma al solito in modo frettoloso ed incoerente, prima dei titoli di coda, veleggieranno tradizionalmente in un consueto finale positivo!.

mercoledì 1 giugno 2016

prima di "the day after tomorrow" (2004) era "the 2nd deluge" di G.P. Serviss (1926)

E' tra il 1926 ed il 1927 che Amazing Stories in varie puntate, stampò la storia del secondo diluvio: scritta da G.P. Serviss, l'autore propose un lungo racconto catastrofico, che non ha niente ad invidiare (specie nella prima parte) all'hollywoodiano -the day after tomorrow- prodotto da Hollywood 78 anni dopo. "the 2nd deluge" di G.P. Serviss é un improbabile racconto di SciFi scritto nel 1926 oggi lo stesso racconto propone elementi profetici causati da un diverso contesto climatico. 
Vedi anche Day after tomorrow- una ucronia con qualche verità!



E' indubbio che il climate change stia dispiegando i suoi effetti, con il passare del tempo i cambiamenti ambientali s'intensificheranno in modo non lineare ed é indubbio che nel XXI secolo il climate warming legandosi con il problema della sovrapopolazione e quindi la scarsità di risorse (cibo, acqua, terre, enegia, materie prime...) saranno causa d'interazioni umane (migrazioni, guerre, morte e distruzione) negative. 

Vedi anche il Clima che verrà - una distopia dal buon profumo ma inconsistente sotto i denti del telespettatore!

Ad esempio al crescere del livello degli oceani, le popolazioni del bacino del mediterraneo osserveranno gli impatti negativi di tale fenomeno in modo meno virulento e più dilazionato nel tempo. 
Stretto di Gibilterra
circolazione delle correnti stretto di Gibilterra
stretto di Gibilterra il rubinetto del Mediterraneo
Il mar Mediterraneo é mare chiuso e comunica con l'Oceano Atlantico dallo stretto di Gibilterra: prima di 30-50 anni (dall'innalzamento del livello dei mari) molto probabilmente le popolazioni del mediterraneo soffriranno in modo meno intenso di tale calamità ambientale globale. L'unica cosa che s'osserverebbe nel Mediterraneo, sarebbe una crescita dell'intensità delle correnti di superficie presso lo stretto di Gibilterra, che tirerebbero verso Est in modo più vigoroso, degli attuali 1 nodo.