domenica 21 luglio 2019

Io li ridoppio

Film:"Cosmos War of the Planets" ReMiXato e Ridoppiato.

Film:"La notte dei morti viventi" ReMiXato e Ridoppiato.


Cartone animato:"Wot a night" ReMiXato e Ridoppiato

Film Muto:"Arizona Days" ReMiXato e Ridoppiato


Restate sintonizzati ;-) sulla playlist "Recensioni e Cazzeggio Katabiotrico" per altre novità!

sabato 20 luglio 2019

How did they go to the Moon

In omaggio al cinquantenario dell'uomo sulla Luna 21/7/1969 un documentario che racconta la corsa allo spazio durante la guerra fredda!. Per una volta si ragiona di fatti :-) non di fantascienza!.



Lo sviluppo tecnologico dei microprocessori, le comunicazioni/servizi satellitari (GPS, telecomunicazioni in RT su tutto il pianeta, spionaggio, space shuttle, stazioni spaziali, lanciatori riutilizzabili), furono la ricaduta militare e tecnologica dello sbarco sulla Luna. Dal 1970s tutte queste tecnologie divennero mature, permisero lo sviluppo dell'informatica/elettronica di consumo, nel segmento privato & civile.

A 50 anni di distanza dallo sbarco sulla Luna, quasi tutto il sistema solare è stato esplorato: è stata costruita una grossa stazione spaziale internazionale in orbita terrestre, tuttavia a parte il quadriennio 1969-1972 nessun altro essere umano, è mai più ritornato sulla Luna. Non è stata costruita nessuna base internazionale, nel sottosuolo lunare, per scopi scientifici. Pubblicamente, nemmeno un modesto satellite è stato posto in orbita lunare stazionaria, al riparo dalle interferenze terrestri, per fare del SETI-passivo.

Nei decenni a venire, a causa del climate change, sovrappopolazione, scarsità, alti rischi di guerre, è mia opinione che la maggioranza delle risorse finanziarie degli stati nazionali, saranno investite in difesa & armamenti. Non ci saranno danari sufficienti per l'aerospaziale civile & colonie marziane od avventure internazionali su Marte. Forse, saranno costruite piccole basi sotterranee sulla Luna, probabilmente continueranno le esplorazioni robotiche di Marte, ma supporre la colonizzazione umana di Marte nel XXI secolo, è fantascienza!.

mercoledì 17 luglio 2019

World of Tanks, World of Warships, World of Warplanes, World of Submarines

C'è un mondo di giochi :-) tutti pensati per il multiplayer via internet, con PC e con smartphone. Ad essere sincero, non sembrano molto realistici gli scontri bellici. 

A cominciare dal fatto che i giochi hanno vista in terza persona, le dinamiche cinetiche prodotte dai software, sono ben lontane da essere plausibili e credibili. Insomma non sono simulatori tattici ludici, tuttavia tali applicativi di gioco, possono regalare del divertimento online, gratuito. 

World of Tanks: sparatutto carroarmatistico in terza persona :-) privo di blitzkrieg

World of Warships: sparatutto navale in terza persona :-) privo di potere aereo WWII e moderno

World of Warplanes: sparatutto aereo in terza persona :-) molto distante dall'essere un simulatore di volo

World of Submarines: sparatutto tra sottomarini in terza persona :-) molto lontano dall'essere un simulatore di subs


N.B.
Se qualcuno si starà chiedendo se per le generazioni moderne, sia una piaga sociale piuttosto che un divertimento, essere costretti a stare seduti sul proprio divano di casa a giocare via internet con i propri amici, piuttosto che scendere in cortile a giocare a calcetto, nascondino, guardie & ladri in bicicletta, Formula 1 o Rally in bici... perchè c'è troppo smog, PM10, delinquenza... direi che, chiunque si sia posto il problema, si è probabilmente anche dato la risposta da solo ;-P

domenica 14 luglio 2019

Occhi dalle stelle (1978)

Occhi dalle stelle è un film del 1978 diretto da Mario Gariazzo con lo pseudonimo di Roy Garrett, la pellicola italiana di fantascienza ha per tema l'apparizione di extraterrestri e la teoria del complottone.one.one sugli UFO.



Sviluppando delle pellicole fotografiche riprese in una radura con la sua modella, un fotografo si accorge che sulle foto appaiono degli extraterrestri che sono sfuggiti alla visione ad occhio nudo. Decide così di tornare sul posto, ma viene rapito dagli alieni che lo portano a bordo del loro disco volante. La stessa sorte tocca alla modella che si era messa alla ricerca del fotografo scomparso, e che verrà successivamente ritrovata in stato di shock. Nessuno sembra preoccuparsi della sorte dei due scomparsi fino a quando un giornalista viene in possesso delle pellicole fotografiche e, coadiuvato da un ufologo, i quali si mettono alla loro ricerca, sperando di provare l'esistenza aliena in visita sulla Terra...

domenica 7 luglio 2019

Inattesa linea diretta dalla colonia aliena di Gonor su Marte!

Inattesa linea diretta dalla colonia aliena di Gonor su Marte!

In comunicazione dalla colonia aliena di Gonor su Marte


Argomenti Correlati:

La cortina di bambù (1967)

La cortina di bambù (The Bamboo Saucer) è un film del 1968 sceneggiato e diretto da Frank Telford. È una pellicola fantascientifica, ambientata nella Cina comunista, il cui l'abbattimento di un UFO si intreccia con temi tipici della guerra fredda.



domenica 30 giugno 2019

Il Blog è socchiuso per ferie!

Come tutti gli anni, il blog "Mia Fantascienza" in Luglio ed Agosto cambia cadenza di posting, passando ad un regime dimezzato!
  • In Luglio ed Agosto, ogni giorno Festivo, ci sarà un contributo multimediale online, da visionare in streaming ;-) gratuito, con varie sorprese multimediali.
  • Rimane immutato, per chi lo desidera, l'appuntamento una volta al mese, con la disponibilità di un ebook della collana JDAB ;-)
  • Resta anche l'appuntamento, con un post al mese, sulla recensione di giochi con tag #fun station
  • Arriverà in Estate, per la collana Climate Fiction, anche l'ebook "Sons of lesser gods" ;-)
  • Per il resto, buone vacanze a tutti ;-) e ricordate che il blog riprenderà la sua tradizionale cadenza di posting con almeno 10 post al mese, da Settembre 2019
  • Invece "Mio Podcasting" www.mio-podcasting.tk riprenderà con un aggiornamento di altri 12 numeri, alla fine di Novembre 2019 ;-)
Restate sintonizzati dalla spiaggia, con il vostro Smartphone, con il blog ;-) "Mia Fantascienza" perchè nonostante l'estate, ci saranno parecchie novità!.
Augh! 

p.s.
"Mia Calignaia - video blog estivo


sabato 29 giugno 2019

"The face in the sky" è del settembre del 1939

C'è una suggestione interessante per un osservatore del XXI secolo che sfoglia Amazing Stories del settembre 1939. Fu pubblicato il racconto "Face in the sky" di Thornton Ayre, sagacemente illustrato dal disegnatore Morey. Il racconto narra dell'esistenza di una faccia pensante nello spazio, la quale... :-) insomma la fabula non c'entra niente con il mito della faccia su Marte, che poi dilagherà nei primi anni 1980s.
A spanna superficiale, il racconto "Face in the Sky" narra di una faccia che compare nello spazio, ed obiettivamente è proprio una faccia umanoide nello spazio, quella che fu scattata dal Viking su Marte nel 1976, per quanto la percezione del volto sia paredolia.

Tuttavia l'idea di un volto umano, rimase largamente diffusa nel mondo, sino ai passaggi successivi e ravvicinati del Mars Global Surveyor (1996) che ne dimostrò la paredolia, causata da insolite situazioni di luce del 1976.

Una suggestiva correlazione ;-) tra fantascienza e scienza, mescolata ;-) in salsa di paredolia!

mercoledì 26 giugno 2019

The invisible spy (1754)


Tra i primi precursori che parlarono di alieni, occorre scavare nei testi originali (quando si possono rintracciare in rete) per valutare se esistono delle ANOMALIE e delle CONGRUENZE TECNOLOGICHE, che possano descrivere gadget tecnologici che all'epoca in cui gli autori li immaginarono, erano espedienti letterari BLACK BOX che permettevano alla fabula di dispiegarsi, mentre nel XXI secolo, tali gadget potrebbero essere una solida realtà tecnologica!.

Nel testo "The Invisible Spy" dell'autrice Eliza Haywood (Londra, 1693 – 25 febbraio 1756) l'autrice narra letterariamente d'essere entrata in contatto con un alieno (di cui non ne descrive le forme) che spia l'umanità. Gli espedienti narrativi che daranno all'autrice la possibilità di narrare la sua fabula, sono vari gadget magici-tecnologici:

  • Una polvere illusiva (magica), il suo uso è descritto in termini di Astrologia.
  • Una campanella empatica, sincronizzata con le altre campane del regno che aiuterebbe a suonare le corde degli strumenti.
  • Sali a meditazione, polveri che aiuterebbero a pensare ed immaginare.
  • Un cappello restringente, che permetterebbe al possessore di miniaturizzarsi nelle dimensioni di una tazza da the.
  • Un mantello dell'invisibilità, il cui possessore diventerebbe invisibile.
  • Un tablet, ossia un libretto che registrerebbe le parole dal vivo, salvo poi autocancellarle con la Luna in una determinata posizione celeste.

[x] I primi cinque gadget sembrano oggetti "magici" che sono stati RAZIONALIZZATI come artefatti alieni, per quanto siano una BLACK BOX letteraria (espediente narrativo fantasy/ipertecnologico) non hanno niente di reale e scientifico, per un osservatore del XXI secolo.

[x] Il tablet non è un tablet android :-) come un osservatore del XXI secolo potrebbe immaginare!. Il tablet viene descritto più come un REGISTRATORE SONORO, che s'attiva aprendo il libretto e lasciandolo in una stanza, il dispositivo sarebbe capace d'imprigionare le voci (ma non le immagini) e poi quando la Luna è in una certa posizione del cielo, il dispositivo AUTOCANCELLA la propria registrazione, ritornando ad essere pronto per registrare nuove cose!.

Interpretazione ufologica dell'immaginario gadget:
Il gadget alieno sarebbe un artefatto alieno identico ad un taccuino terrestre del 1754 ma il dispositivo avrebbe la capacità di registrare voci dell'ambiente in cui è posto, (tradurre le voci in un linguaggio alieno, filtrare il sonoro sopprimendo i rumori ambientali), immagazzinare le piste audio per moltissime ore di registrazione (circa) 24H*30gg=720H, trasferire il contenuto delle registrazioni in modalità wireless ad ogni passaggio dell'astronave, la quale sarebbe sincronizzata con i moti lunari, lo scambio dati UFO<->gadget alieno accadrebbe quando la posizione della Luna è in una determinata parte del cielo.

Per essere un testo del 1754 il tablet alieno è assai fuori contesto storico, è una palese anomalia tecnologica!

Sarebbe stato possibile immaginare tale anomalia tecnologica, raggranellando nel 1754 varie informazioni e ragionando per analogia?
  • La prima pila di Volta fu costruita nel 1799 quindi prima di quella data, non c'era proprio la nozione di pila ossia d'apparato elettrico. 
  • Esistevano già nel 1754 degli organi a rullo che però dovevano essere suonati da un operatore.
  • La Serinette (1717) è un organo meccanico a manovella portatile, capace di riprodurre il fischio di un uccello.
  • Esistevano nel 1754 i carillion di campane: dispositivi meccanici in metallo grandi come una stanza, capaci di riprodurre meccanicamente in modo autonomo, dei pezzi musicali precedentemente codificati in un tamburo rotante dotato di fori. Il tamburo NON ERA CANCELLABILE per ovvie ragioni logiche!.
  • Le piccole scatole magiche dei Carillion furono inventati solo dopo il 1796 per cui nel 1754 ancora non esistevano!.
Se esisteva un artefatto grande come una stanza nel 1754 capace di riprodurre la musica, di certo sarebbe potuto esistere un artefatto umano che prima o poi in futuro, sarebbe stato capace di riprodurre la voce umana: questa estrapolazione logica è perfettamente lecita per un essere umano molto intelligente e fantasioso del 1754!.

Gli orologi nel 1754 erano congegni meccanici che tendevano a ridursi di dimensioni, è grande segno di sagacia e fantasia da parte di Eliza Haywood (Londra, 1693 – 25 febbraio 1756) aver immaginato FUORI CONTESTO STORICO 1)la miniaturizzazione di una macchina futura 2)più perfomante di quelle più grandi e presenti nel 1754 3)che sarebbe stata capace di catturare la voce umana dal vivo = Una spia del 1754 per riferire quanto deciso in delle riunioni, avrebbe catturato le parole dei presenti, riferendole a chi di dovere, sintetizzando le narrazioni su un piccolo foglio di carta. Se alla spia si sostituisse un artefatto tecnologico, si ha il concetto di tablet, espresso nel libro di Eliza Haywood (Londra, 1693 – 25 febbraio 1756)

Tuttavia c'è un elemento TECNOLOGICO FUORI CONTESTO STORICO: l'AUTOCANCELLAZIONE delle proprie registrazioni, in relazione ad una determinata posizione lunare in cielo = ossia dopo 30gg circa.

La magia, oggi diremmo il Fantasy, già da tempo dotava alcuni artefatti di specifici poteri in relazione alle stelle. Il genio fantastico espresso dalla Eliza Haywood (Londra, 1693 – 25 febbraio 1756) è d'aver mutato i gadget magici con una parziale RAZIONALIZZAZIONE trasformandoli in artefatti alieni, che se pur inesplicabili da comprendere scientificamente, erano capaci di meraviglie tecnologiche che ancora il genere umano non poteva fare, ma che in parte forse poteva intuire, osservando il trend della meccanica negli orologi, quanto negli strumenti musicali. Due classi di oggetti che potevano trovare un'applicazione pratica in teatro, per degli proto-effetti speciali con cui stupire il pubblico.

L'antica scrittrice Eliza Haywood nel testo "The invisible spy" quando descrive il tablet, discute di un artefatto alieno oppure inventa con sagacia un espediente letterario BLACK BOX, per narrare la sua fabula?!

1-Da un punto di vista tecnologico, il primo fonoautografo è del 1860, quindi Eliza Haywood nel 1754 descrisse 106 anni prima un artefatto capace di registrare la voce, ma le cui caratteristiche di 720 ore di spazio di registrazione, sarebbero esistite solo nel XXI secolo. Da un punto di vista tecnologico, l'anomalia narrata da Eliza Haywood è grande come una casa!.

2-E' legittimo pensare che Eliza Haywood osservando in teatro la combinazione orologi e strumenti musicali del 1754 potesse immaginare con la sua sagacia, un artefatto alieno capace di registrare la voce!. Nei paesi protestanti il pensiero di Giordano Bruno (1600) ebbe a diffondersi: Filosofi come John Locke, astronomi come William Herschel, politici come John Adams e Benjamin Franklin nel 1700s sostennero pubblicamente le idee della pluralità dei mondi di Giordano Bruno.

3-Quello che non è tecnologicamente accettabile supporre è che Eliza Haywood nel 1754 potesse anche immaginare che l'artefatto avesse la capacità di auto-cancellazione per riprendere la propria registrazione!. Dato che il tablet è una BLACK BOX ed espediente narrativo, sarebbe stato più "magico" e quindi tecnologico, dotarlo di una capacità infinita di registrazione, senza cioè indurre la presenza di vincoli fisici di spazio di memorizzazione, che il dispositivo avrebbe dovuto rispettare!. Si pensi al Nautilus, il mitico sottomarino inventato letterariamente da Verne, il quale riprende un'invenzione tecnica già presente nel 1870 che viene super potenziata in modo immaginifico da Verne. Una supe-renergia misteriosa rende il mezzo capace di restare in immersione senza vincoli di tempo!. Nonostante questa previsione, il Nautilus del capitano Nemo è privo di siluri, è privo di missili, è persino privo di cannoni: il Nautilus affonda le navi urtandole, proprio come facevano le navi Cartaginesi, Greche, Romane... I limiti della fervida immaginazione di Verne sul sottomarino, emergono in modo chiaro e naturale: è ovvio, non tutto Verne poteva indovinare, era statisticamente certo che prima o poi avrebbe pisciato fuori dal vaso, circa la tecnologia futura!

4-La ciclicità ed il riuso dello spazio tramite la cancellazione dei dati, ha qualcosa in comune con l'utilizzo di lavagna e gesso, ed è molto antica come tradizione dal 1500DC ma poco ha a che fare con la scuola del 1700. Tuttavia è un elemento tecnologico ben noto ad un osservatore del XXI secolo: dai nastri magnetici in avanti, sino ai moderni dispositivi digitali, tutti i dispositivi per quanto grandi, non hanno spazio d'archiviazione infinito.

5-L'idea di piazzare un registratore dentro ad un libro, è veramente qualcosa di molto moderno, ed attinente allo spionaggio del XX secolo! con l'idea di fare intercettazioni ambientali, utilizzando insospettabili oggetti d'uso comune, con cimici radio e non!. I primi gadget di tale tipo, furono costruiti dalla CIA solo dopo la WWII.

Th:
  • Eliza Haywood nel 1754 descrisse il funzionamento 106 anni prima della sua invenzione, di un registratore capace di catturare la voce umana dal vivo. 
  • Eliza Haywood nel 1754 descrisse (246 anni prima la loro invenzione) il funzionamento di un artefatto che è mimetizzato in un piccolo libro, e che è capace di riprodurre in audio e memorizzare un massimo di 720 ore di registrazione. 
  • Eliza Haywood nel 1754 descrisse un artefatto capace di auto-cancellare le proprie registrazioni in modo ciclico ogni 30gg, riutilizzando lo spazio di memorizzazione per nuove registrazioni. 
  • L'anomalia storica e tecnologica è enorme, IMHO non c'è ombra di dubbio che Eliza Haywood nel 1754 sia stata una contattata, avendo descritto un artefatto tecnologico plausibile e coerente nel suo funzionamento tecnico del XXI secolo, che Eliza Haywood nel 1754 non avrebbe potuto indovinare in tutte le sue precise caratteristiche tecniche!.


Argomenti Correlati:
The invisible spy - Eliza Haywood / PDF / FREE Download /
blog Paleocontatto - The Invisible Spy (1754) 

lunedì 24 giugno 2019

E' del 1939 su Amazing Stories, l'invenzione della prima centrale Atomica!

Nella controcopertina di Amazing Stories di ottobre 1939 compare in bella vista, il disegno futuristico di quello che s'immagina saranno le Centrali Atomiche del futuro!. Le centrali elettronucleari avrebbero fornito energia elettrica in modo illimitato, alle fabbriche e metropoli. 
La prima fissione incontrollata dell'Atomo avverrà con l'esperimento della prima bomba atomica Trinity nel Nuovo Messico solo il 16/7/1945 cui poi seguiranno le due atomiche sganciate sul Giappone ad Hiroshima e Nagasaki.
Prima del 1939 avvennero in Europa presso alcuni laboratori, varie piccole fissioni di atomi, gli scienziati bombardando l'atomo di Uranio con protoni, lo riuscirono a scindere, producendo calore e radiazioni, tuttavia molti scienziati non s'erano accorti d'aver scisso l'atomo, bensì supposero d'aver prodotto solo degli elementi transuranici. 


Il programma Atomico del progetto MANHATTAN iniziò solo nel 1940 ed è quindi stupefacente che su una rivista di fantascienza dell'Ottobre del 1939 compaia in contro-copertina, il disegno futuristico di una futura centrale elettronucleare, la quale materialmente sarà costruita solo nel 1951 nell'Idaho! ossia 12 anni dopo! 

sabato 22 giugno 2019

In contatto dalla colonia aliena di Gonor su Marte!

scenari di contatto alieno: in comunicazione dalla colonia aliena di Gonor su Marte

scenari di contatto alieno: in contatto dalla colonia aliena di Gonor su Marte


Argomenti Correlati
->> Inattesa linea diretta dalla colonia aliena di Gonor su Marte!

venerdì 21 giugno 2019

Flash Gordon (1936)

Flash Gordon è un serial cinematografico del 1936 diretto da Frederick Stephani, prodotto dalla Universal e basato sulla striscia a fumetti di fantascienza Flash Gordon ideata da Alex Raymond due anni prima. Fu il primo serial di fantascienza, quanto il serial che rimase più celebre. Narra la storia della prima visita di Flash Gordon al pianeta Mongo e il suo incontro con il malvagio imperatore Ming lo spietato. Composto di 13 episodi della durata di circa 20 minuti l'uno, era concepito con l'intento di riguadagnare l'interesse del pubblico adulto per i serial. Ebbe due seguiti di serial tv: Flash Gordon alla conquista di Marte (1938) e Flash Gordon - Il conquistatore dell'universo (1940), sempre interpretati dall'attore Buster Crabbe.

martedì 18 giugno 2019

Crack Attack & Eat the Whistle


Crack Attack è un videogioco classico, dove lo scopo del gioco è distruggere le linee dei blocchi di mattoni che si stratificano. Il videogioco è liberamente scaricabile per Windows, MacOS X, Linux essendo in licenza Creative Commons.

http://aluminumangel.org/attack/

Eat the Whistle è il calcio in versione Linux, Windows, Macintosh, in due dimensioni con scrolling orizzontale, con cui giocare alla coppa del mondo, nonchè gestire la propria carriera calcistica nelle varie partite di gioco.


domenica 16 giugno 2019

Distopia: Implications of Climate Change for Armed Conflict by World Bank (2008)

Questa non è fantascienza, è uno studio distopico effettuato dalla WORLD BANK sui cambiamenti climatici e Guerre.

World Bank: Implications of Climate Change for Armed Conflict (2008)

Un interessante libro edito dalla World Bank, da leggere tutto d'un fiato, scritto in un facile inglese, per cui non necessita d'essere sintetizzato o tradotto, ma solo rapidamente commentato in alcune parti:

Perchè ho postato su un blog di fantascienza, 
un documento Non Classificato 
circa Climate Change e Guerre nel 2030s-2050s?

This paper offers an assessment of theories and evidence for a relationship between climate change and armed conflict. We identify three processes through which climate change could cause social instability and conflict: intensification of natural disasters, increasing resource scarcity, and sea-level rise. The risks associated with these processes primarily concern
destruction of infrastructure, increased health risk, and loss of livelihood. Five complementary mechanisms have been proposed:
• Economic instability
• Political instability
• Social fragmentation
• Migration
• Inappropriate response [...] pag.21


pag.30
The most severe short-term social consequences of climate change are likely to arise from increased climate variability with more extreme weather patterns, resulting in more frequent flooding and droughts. Such events may have dramatic consequences for livelihood, settlement patterns, and regime stability in the developing world, potentially increasing the
risk of armed conflict. In a statistical study of conflict involvement among countries in SubSaharan Africa, Miguel et al. (2004) find that negative deviation in annual precipitation substantially reduces national economic growth, and thereby indirectly increases the risk of civil war. Similar findings are reported by Hendrix & Glaser (2007) and Levy (2007). 

E' evidente che la crescita dei livelli di CO2 ha raggiunto quota 402ppm solo da poco tempo, andando indietro nel tempo si ritrovano valori crescenti di CO2 ma inferiori a quelli attuali, non hanno quindi molto senso studi statistici sulle guerre del passato, per la banale ragione che il Climate Change del passato non aveva un impatto così violento e rilevante, come i modelli climatici stimano per i deceni 2030s-2040s-2050s

Ho bloggato su tale scritto, perchè fornisce spessore alla mia collana di Climate Change Wars, nonchè ai miei post del mese di Marzo 2016 

La narrativa degli effetti del Climate Change: www.climatefiction.gq
http://mia-fantascienza.blogspot.it/2016/03/la-narrativa-degli-effetti-del-climate_5.html

Scenari Distopici: the limit to growth, Rome's club (1972)
http://mia-fantascienza.blogspot.it/2016/03/scenari-distopici-limit-to-growth-romes.html

Filmografia sul Climate Change: distopia Soylent Green (1973)
http://mia-fantascienza.blogspot.it/2016/03/filmografia-sul-climate-change-distopia_14.html

Filmografia sul Climate Change: distopia "the day after tomorrow" (2004)
http://mia-fantascienza.blogspot.it/2016/03/filmografia-sul-climate-change-distopia_13.html

Filmografia sul climate change: distopia "il clima che verrà (2007)"
http://mia-fantascienza.blogspot.it/2016/03/filmografia-sul-climate-change-distopia.html

giovedì 13 giugno 2019

Prima di Star Trek S2E4 - Specchio- era Amazing Stories maggio 1935

Presso Amazing Stories maggio e giugno 1935 fu pubblicato in due puntate, un racconto di fantascienza intitolato "Liners of Time" di John Russel Fearn, in cui si ha l'ennesima permutazione del plot del viaggio nel tempo di Mercier, tuttavia la modifica sostanziale consiste nell'attraversamento di linee di tempo in universi paralleli.
Nel 20000DC al pilota spaziale Sanford Lee è ordinato d'investigare sulla scomparsa di tre navi spaziali. Elna Folson è la figlia del presidente, Elneck Jelfel è uno scienziato esperto in viaggi temporali e tutti sono a bordo dell'astronave di Sanford Lee. Elna Folson sparisce dall'astronave, a bordo del mezzo era stato installato un dislocatore temporale inventato da Elneck Jelfel, che è ritenuto la causa della scomparsa della ragazza. Lee usa il dislocatore temporale, per provare a ritrovare la ragazza. Lee giunge nell'Età dei problemi, è imprigionato e rintraccia Elna, i due sono salvati dalla materializzazione di Elneck Jelfel che vorrebbe riportarli nel loro tempo, tuttavia per una disattenzione accidentale, i tre si trovano catapultati nell'era delle glaciazioni, dove i tre temponauti incontrano...

Il plot del lungo racconto a puntate, si dipana tra viaggi iperdimensionali e viaggi temporali, tramite un dislocatore temporale, che ad un osservatore del XXI secolo, ricorda da vicino il classico hardware di teletrasporto di Star Trek. 

Il racconto di Amazing Stories del 1935 di John Russel Fearn è certamente genesi di Star Trek stagione 2 episodio 4 in "Specchio" dato che, è proprio un apparato tecnologico simile al teletrasporto, che causa ai protagonisti la possibilità di visitare una linea temporale differente!

martedì 11 giugno 2019

Un biglietto per il nulla (v1.0)

Omaggio Amazing Stories dicembre 1942 al racconto “One ticket to nowhere” di Leroy Yerxa con un plot remastering

La risorsa è reperibile anche presso altri clouds:
https://www.calameo.com/read/000781945d6771b113805
https://www.scribd.com/document/413024933/un-biglietto-per-il-nulla


lunedì 10 giugno 2019

L'idea di un parassita alieno, nasce nel 1935

Sulla rivista Amazing Stories del luglio 1935 fu pubblicata la novella thriller-fantascientifica di Harl Vincent "Parasite", dove s'immagina che un parassita alieno covi e si sviluppi in un essere umano sino a... L'idea del parassita alieno sarà poi recuperata da Hollywood e mescolata con altri elementi iconografici e contesti delle pulp mags, sfornando quello che sarà il parassita ALIEN.

venerdì 7 giugno 2019

A bugs life nasce su Amazing Stories nel 1935

Sulla rivista Amazing Stories fu pubblica la novella di Bob Olsen intitolata "Six legged gangsters" dove s'immagina una vita pensante e semiumana vissuta nel mondo delle formicole!. L'umanizzazione del micromondo degli insetti è un plot che fu ripreso dalla PIXAR nel film digitale d'animazione -A Bugs'life- che fu un grande successo mondiale!.



martedì 4 giugno 2019

L'atmosfera dark dei Necromonger nasce su Amazing Stories nel 1934

Su Amazing Stories del febbraio 1934 fu pubblicato in varie puntate il lungo racconto di SciFi intitolato "Terror Out of Space" di H.Haverstock Hill e sagacemente arricchito dai disegni dell'illustratore MOREY. A prescindere dal plot del racconto del 1934 che fu l'ennesima permutazione del plot "la guerra di mondi di H.G.Wells", quello che emerge agli occhi di un osservatore del XXI secolo, è che l'atmosfera dark dei necromonger, in realtà fu inventata nel 1934 per mano del disegnatore Morey!. Grandi astronavi, statue di esseri umani sinistri con corazza, sono l'ennesima riprova che quasi niente è stato realmente inventato nelle sceneggiature di fantascienza, ma quasi tutto è stato scopiazzato da ciò che altri autori hanno scritto o disegnato in passato!.


giovedì 30 maggio 2019

Il robottino Robby del pianeta proibito, nasce su Amazing Stories nel 1934

Sulla copertina di Amazing Stories del marzo 1934 un osservatore del XXI secolo non può fare a meno di riconoscere la nascita del noto robottino "Robby" del Pianeta Proibito (1956). Nel 1934 il robottino all'epoca non aveva ancora i bracci, ma soltanto dei tentacoli robotici. Era all'epoca, uno dei tanti personaggi che comparivano nel lungo racconto di SciFi a puntate "Triplanetary" di Edward E.Smith Phd, che però fu sagacemente disegnato su carta, dal fantasioso illustratore MOREY. Il robottino della copertina di Amazing Stories del marzo 1934 sarà poi riciclato e permutato in modo spudorato dalla Disney: al robot saranno aggiunti i bracci e varie altre capacità strabilianti, che a dire della Disney sarebbero state ideate dal genio della cultura aliena CREL.

martedì 28 maggio 2019

The man who got everything (1941) è genesi di Culo e Camicia (1981)

Nel 1941 su Amazing Stories del mese di agosto fu pubblicato il racconto di SciFi "The Man Who Got Everything" di John York Cabot. Il plot ricicla il plot delle novelle arabe dell'ampolla magica (con il genio) dei desideri, ma il genio magico e soprannaturale, fu soppresso e trasformato nella fabula con un apparato hardware, che permetteva scientificamente al possessore del dispositivo, d'esaudire tutti i propri desideri, soggiogando anche la volontà altrui.
Il plot verrà riciclato in Italia nel 1981 in "Culo e Camicia" nell'episodio il televeggente, in cui il misterioso dispositivo scientifico tornerà ad essere elemento magico (ritrasformato in un paio di scarpe) costruite da un povero ciabattino (defunto in povertà e quasi santo). Le scarpe come la lampada d'Aladino, sono un artefatto capace d'esaudire i desideri, del possessore delle magiche suole.
Il plot di "Culo & Camicia" sarà remixato da Hollywood nel 2016 con "Mr.Cobbler e la bottega magica" dove le scarpe magiche rimarranno tali, perchè sarà il ciabattino ad avere doti magiche, da potersi mettere nelle scarpe (ossia nei panni) d'altre persone.

domenica 26 maggio 2019

I conquistatori della luna (1957)

I conquistatori della Luna è un serial cinematografico di fantascienza in 12 episodi, in bianco e nero, del 1952 per la regia di Fred C. Brannon. Riedito nel 1957, fu trasformato in un film per la televisione nel 1966 col titolo Retik, the Moon Menace. Il serial è dedicato al personaggio dell'eroe spaziale Rocket Man. I conquistatori della Luna è il SEQUEL del serial Gli uomini missili del pianeta perduto (King of The Rocket Men) del 1949 e il protagonista, con un nome e un attore diverso, è lo stesso. L'uomo-razzo riapparve nella serie televisiva Commando Cody: Sky Marshall of the Universe del 1953 e fu ripreso nel film -Le avventure di Rocketeer (The Rocketeer) del 1991
Il giovane scienziato Commando Cody e la sua assistente Joan Gilbert lavorano alla costruzione di un razzo che dovrà portare l'uomo sulla luna, ma il progetto è ostacolato da alcune azioni di sabotaggio. Incaricato di svolgere le indagini, Commando Cody scopre che gli attentatori si servono di un'arma che funziona con elementi atomici reperibili soltanto sulla Luna. È dalla Luna infatti che proviene la minaccia posta nel sotterraneo, il diabolico Retik appronta i piani per la conquista del pianeta Terra...

giovedì 23 maggio 2019

Nel febbraio 1934 su Amazing Stories nasce il sarcofago rigeneratore di Stargate!

Nel febbraio del 1934 fu pubblicato su Amazing Stories la novella di fantascienza "The Regenerative Wonder" di Winthrop W.Hawkins in cui s'immagina l'esistenza di capacità rigenerative in una macchina a forma di sarcofago, il cui principio scientifico era la stimolazione della ricrescita cellulare. 
Agli occhi di un osservatore del XXI secolo non può sfuggire il fatto che tale hardware di fantascienza inventato letterariamente dall'autore Winthrop W.Hawkins, sia poi stato spudoratamente permutato in un dispositivo alieno, mantenendone sempre la forma di sarcofago, e che tale hardware alieno sarebbe stato capace di rigenerare tutti i tessuti umani, diventando un radicato gadget tecnologico nel plot di Stargate & Stargate.SG1
Sempre più copioni, appaiono gli sceneggiatori di Stargate e Stargate.SG1 avendo praticamente scopiazzato ogni cosa nel film e nei telefilm, dalle "pulp mags".

martedì 21 maggio 2019

Il Trycorder

Come tutti i “brand”, anche il blog "Mia Fantascienza" avrà testimonials: quale migliore testimonials di due alieni, per supportare un blog di Fantascienza?! ;-)

Ezezel e Tehia, sono due personaggi di “fantasia” che potete conoscere letterariamente, dentro vari ebook della collana JDAB.

Ho deciso, che quando sarò colto da una pulsione irresistibile a scrivere un racconto di SciFi, darò spazio con piccoli racconti ai due nuovi testimonials del blog :-)


Il Trycorder che usava Ezezel e Tehia, non era un Trycorder, non si chiamava Trycorder, tuttavia l’immaginario fantascientifico ha da tempo cazzeggiato sul concetto di “Trycorder di Star Trek”: tale artefatto, pur essendo errato nel design quanto nelle funzionalità tecniche, è tuttavia un concetto utile, per discutere dell’artefatto alieno che mi hanno mostrato Ezezel e Tehia. Il gadget alieno di Ezezel e Tehia, era altamente tecnologico, piccolo, portatile, dotato di varie funzionalità; uno strumento indispensabile di lavoro, durante le ricognizioni notturne, dentro gli habitat terrestri, per espletare studi e campionamenti scientifici. 
In questa breve bloggata, si cazzeggerà delle funzionalità tecniche di uno strano artefatto alieno, che per comodità fantascientifica definirò “Trycorder”, pur non essendo un Trycorder, quello di cui andrò a discutere!.

La forma del “Trycorder” era simile ad un classico smartphone scuro da 4”, nel visore c’erano moltissime icone e caratteri sconosciuti, tuttavia l’ergonomia e l’interattività era identica ad uno smartphone, ma le funzionalità erano assai diverse.

Protocolli di comunicazione elettromagnetici: emissioni elettromagnetiche a bassa frequenza, dentro lo spettro delle frequenze “naturali”, tali emissioni radio pare che servissero a conversare con le sonde Foo Fighters per richiedere assistenza militare, quando necessario. Ha detto Tehia, che tale funzionalità non l’aveva mai usata, perché il teletrasporto l’aveva sempre tolta d’impaccio, in modo rapido ed efficace!.

Protocolli di comunicazione quantistici: sono protocolli di comunicazione senza emissione elettromagnetica!. 
  • I protocolli di comunicazione basati su onde elettromagnetiche in qualsiasi banda hanno questo tipo di operatività: 1-emissione del messaggio 2-trasporto del messaggio 3-ricezione del messaggio. Tutti i protocolli elettromagnetici sono soggetti al limite della velocità della luce, hanno sempre una latenza che è crescente con l’aumentare della distanza, inoltre l’energia della portante si degrada rapidamente quanto più è ampia la distanza da percorrere. 
  • I protocolli quantistici di comunicazione invece sono istantanei (non hanno latenza) sono costanti (non si degradano con la distanza) e sono furtivi (non hanno emissione elettromagnetica). Il loro funzionamento è il seguente: 1-trasmissione del volume di comunicazione 2-polarizzazione di una frazione del volume di comunicazione (alias comunicazione) 3-ricezione del messaggio. Il funzionamento dei protocolli quantistici è concettualmente diverso, da quello delle onde elettromagnetiche: nei protocolli quantistici prima avviene la trasmissione dello spazio dei messaggi, tramite lo scambio del volume di comunicazione; in un secondo momento, avviene la comunicazione che è recepita istantaneamente dopo la polarizzazione. Ci sono due tipi di protocolli quantistici: protocolli a polarizzazione, e protocolli a ri-polarizzazione. I primi hanno un volume di comunicazione che tende ad esaurirsi. Per ripristinare il volume di comunicazione, occorre necessariamente che emittente/ricevente si trovino fisicamente vicini, per “ricaricare” il proprio spazio di comunicazione. Viceversa, i protocolli di comunicazione quantistici con ri-polarizzazione hanno volume di comunicazione che si espande in infinito, in quanto non occorre “ricaricare” lo spazio di comunicazione, perché i pacchetti sono ri-ripolarizzabili. Questi protocolli quantistici di comunicazione, sono usati solitamente per comunicare con la nave madre, oppure con la colonia di Gonor, mentre i secondi sono usati per tenere il contatto le colonie spaziali e la sorgente (il sistema solare alieno da cui proviene la cultura aliena).
Onde Tehta: sì è proprio così, il Trycorder emetteva onde Tetha, da cui il sistema nervoso periferico umano riceveva direttamente impulsi e comandi. Questo però era possibile solo quando l’essere umano era in stato di sonno REM. Il Trycorder poteva indurre nell’essere umano uno stato identico al sonnambulismo, ma controllandone i movimenti. Azioni come: sedersi sul letto, alzare un braccio, muovere una gamba, erano classici comandi indotti all’essere umano tele-deambulato, per poter espletare più rapidamente prelievi ed analisi, ai fini medici, per redigere un campionamento sanitario, sullo stato medio della popolazione oggetto di studio.

Onde ??? forse sono onde lunghe a bassa potenza in KiloHertz, oppure no?. Tehia non lo aveva specificato, in ogni caso il Trycorder poteva entrare in comunicazione diretta con il sistema nervoso centrale, quando l’essere umano era in uno stato di sonno REM. Il gadget proiettava sogni, ambienti, persone, poteva mascherare entità e luoghi, in modo da sondare l’animo umano e la psiche umana. I sogni e le risposte mentali, con la rappresentazione del sogno nella mente dell’essere umano, erano mostrate a video, ma le immagini erano in bianco e nero, perché i neuroni umani memorizzavano immagini in bianco e nero a bassa risoluzione, con una marcatura temporale genetica sequenziale. La maggioranza degli umani, erano di solito assuefatti a squilibri biochimici, i quali erano i responsabili dei  7 vizi capitali dell’uomo!.

Induzione di sonno profondo con interfacciamento del subconscio, oppure induzione di sonno leggero con uno stato di coscienza rallentato. Erano i “settaggi” personali che gli alieni usavano durante le ricognizioni sul campo, sulle varie persone oggetto di studio campionario. Nello stato di sonno profondo, il soggetto era fermo ed inerme, ma l’interfacciamento con il subconscio inducendone sogni, causava sempre risposte sessuali, oppure frasi stupide, o reazioni violente oppure pensieri privi di logica. Sondare l'animo umano a questo livello serviva solo per valutare l'orientamento sessuale e null'altro. In uno stato di sonno leggero, invece l’Io cosciente era risvegliato ma il sistema nervoso principale oscillava tra il sonno e la veglia. Era una sorta di stato di sonno senziente, anche se il pensiero umano risultava fortemente rallentato. Le risposte mentali degli umani in questo settaggio, non avevano l’influenza del subconscio, ma erano sincere perchè l’Io cosciente, supponeva di trovarsi nel contesto in cui il Trycorder lo proiettava, tuttavia il soggetto poteva anche svegliarsi di colpo, dato che non c’era sonno profondo. E' per questo, che occorreva sempre monitorare il livello d'adrenalina del soggetto.

Il Trycorder era dotato di un “Elettromagnete o qualcosa di simile ad un elettromagnete”: il Trycorder era capace di magnetizzare il blocco metallico delle serrature terrestri di porte e finestre, poi l’I.A. del Trycorder faceva poi ruotare i blocchi metallici della serratura, con l’elettromagnete del Trycorder, in modo d’aprire e chiudere semplici porte, finestre senza usare chiavi o toccare maniglie. Ezezel e Tehia erano abituati alla gravità marziana che era più leggera di quella della Terra. Per questo, quanto per la loro biologia, gli alieni non avevano muscoli forti e robusti come quelli degli umani.
Sniffer: era de facto un piccolo aspiratore con pompa a vuoto, era silenzioso, serviva a campionare odori (essenzialmente batteri che fermentano e poi producono odori) incapsulandoli in piccoli contenitori stagni, dentro al Trycorder. Gli alieni, erano assai interessati a campionare odori e batteri, perché taluni di questi potevano essere pericolosi per loro, mentre altri batteri avrebbero potuto essere riprogrammati geneticamente, per far loro espletare compiti specifici, nella colonia aliena di Gonor. 

Prelievi sanguigni: dal Trycorder usciva un piccolo ago, serviva per campionare da un dito una goccia di sangue, con cui fare analisi istantanee sullo stato di salute del soggetto, oggetto di studio. 

Laser a bassa potenza: di solito era usato come strumento di taglio di precisione per prelievi di piccoli campioni. Piccoli pezzetti di unghie o piccole estrazioni di cellule muscolari o della pelle. Un piccolo laser a bassissima potenza, poteva tagliare e/o cicatrizzare, i campioni biologici di cellule erano poi solitamente clonati per la produzione di cheratina, pelle, cellule muscolari, ecc… per uso medico in Gonor.

C’era poi sul retro del Trycorder quello che a me parve una telecamera per fare le foto. Non era una telecamera, ma...

un sensore che a poca distanza, se puntato sulla pelle dell’essere umano, l'apparato sarebbe stato capace di stimare il livello d’adrenalina presente nel soggetto. L’adrenalina, era un parametro importante che andava sempre monitorato in tempo reale, perchè indicava paura e tensione nel soggetto, con possibili reazioni violente inattese!. 


La prossima volta si sarebbe parlato di Direttive di Colonizzazione, Eso-Economia, Eso-Religione.

Argomenti Correlati ;-)
>> Direttive di Colonizzazione, Eso-Economia, Eso-Religione
<< Starship (parte III)

p.s.
Se dopo la lettura, di questo spiegone di fantascienza ;-) vi fosse germinato il sospetto, che degli alieni stiano davvero sponsorizzando gratuitamente il mio blog di SciFi ;-D allora... il mio raccontino avrà raggiunto il suo obiettivo! 

lunedì 20 maggio 2019

E' nato "Mio Podcasting"

Alcune novità multimediali ;-) per gli utenti del blog "Mio Radar", quanto per "Mia Fantascienza" e "Paleocontatto":
  • E' nata una playlist di chattate sul mio canale di YouTube ;-) a cadenza quindicinale con update semestrale ;-) in blocco. Per questa ragione ;-P ho scelto un format con sigla, un'immagine fissa in stile radio podcasting, che cambia con le stagioni, una durata media del podcast, solo il tempo necessario per interessare ed incuriosire ed intrattenere il potenziale utente di YouTube che clikka, sul file con topic ad alta SEO visibilità. I contenuti di "Mio Podcasting" sono riciclati dalle bloggate su Mio-Radar, Paleocontatto, Mia Fantascienza, che hanno fatto i numeri più elevati.
L'idea è di accalappiare gli utenti abituati a fruire podcasting da YouTube che però non leggono (ne libri di carta, ne PDF, ne blog) per riportarli a leggere. Il podcasting dovrebbe sviluppare un "click d'impulso" ;-P sulla bloggata indicata, sperando che poi l'utenza, decida di leggere ed approfondire, le risorse disponibili online!. 

Prox aggiornamento della playlist a Dicembre 2019 ;-) quando caricherò la stagione II
  • Per la seconda linea di podcast, ho scelto un format totalmente asincrono, eterogeneo: è composto da piccole recensioni, promo audiobook, esperienze techno e geek, mini tutorial su varie tematiche, cartoni animati e film in Pubblico Dominio ridoppiati, nonchè vari temi degni ;-P di  libero cazzeggio. C'è una sigla informale, sporadiche piste audio-video, che s'alterneranno ad immagini fisse, in stile podcasting radio Recensioni e Cazzeggio Katabiotrico!
  • La terza linea di podcast è Le guerre del cambiamento climatico Mediterraneo 2050 è un'altra serie di podcast, asincroni e tematici, con durata variabile, ad alta SEO visibilità. I contenuti sono il riciclo di vari post di lafrecciadellastoria. C'ho messo un'opening/closing accattivante ;-P conterrà sporadiche piste video, quanto immagini fisse, in stile radio podcasting. Dato l'enorme potenziale di crescita dei temi, c'ho messo un dominio ;-) 


Siccome sono tutti podcast studiati per accalappiare utenza che vaga su YouTube, che non legge, l'obiettivo è interessarla e condurla sui miei blog. Non ritengo la regolarità di pubblicazione del podcast un elemento fondamentale, come lo è per i tradizionali podcast. Infatti, già esiste sui miei blog, una costante frequenza di posting!.
  • La quarta linea di podcast, è un mini Video Blog estivo, ha aggiornamento quotidiano, ma il vlog in pillole è stagionale, per questo ho attivato un domino gratuito per soli 3 mesi :-) oltre che in italiano, ci saranno anche mescolati dei contenuti in Inglese e Francese.
Per adesso sono "format" sperimentali :-? con il tempo vedrò se mantenerli, modificarli o sopprimerne la produzione.
Augh!

sabato 18 maggio 2019

Flight Gear e FreeFalcon

Flight Gear & Flight Simulator
Simulatore di volo open source, per Windows e MacOSS, permette di aggiungere velivoli e scenari, con migliaia di aereoporti presso cui fare decolli ed atterraggi.http://home.flightgear.org/

FreeFalcon 6 Flight Simulator
Uno dei migliori simulatori di volo, il progetto GNU è stato abbandonato, ma le versioni precedenti del simulatore si trovano ancora in rete.


mercoledì 15 maggio 2019

Le cazzate contattiste di Romanek nascono da una vignetta di Amazing Stories 1939

Le cazzate, del presunto contattista Stan Romanek hanno genesi da una vignetta satirica pubblicata su Amazing Stories nel luglio 1939 in un cui un lettore di Amazing Stories comodamente seduto in poltrona nel suo salotto, sorride dei racconti di SciFi su marziani di Marte, mentre alle sue spalle, a sua insaputa un alieno, spunta dalla finestra, osservando in silenzio l'uomo.
La stessa cosa, sarà ampiamente sfruttata editorialmente da uno dei tanti contattisti dell'editoria (f)uffalogica!
Obiettivamente, vi pare possibile che degli esseri alieni capaci di viaggiare anni luce nello spazio, poi necessitino di sbirciare dalle finestre, per studiare che cosa gli esseri umani facciano nelle loro case? Oppure non è più logico immaginare, che gli alieni potrebbero usare dei nano-droni supertecnologici?

domenica 12 maggio 2019

Third from the Sun" di Twilight Zone (1960) nasce su Amazing Stories nel 1939

Nel dicembre del 1939 fu pubblicato sulla rivista Amazing Stories il racconto di fantascienza "Fugitives from Earth" di Nelson S.Bond. Nel testo s'immagina che dei terrestri fuggano dalla Terra che è dilaniata dalla WWII, un guasto però li porterà fuori rotta... 

Il concetto che una serie d'esseri umani, siano in fuga dal proprio pianeta, perchè presto sarebbe stato dilaniato dalla guerra, la si ritrova in Twilight Zone -Third from the Sun- (1960) con lo stesso incipit, tranne per il fatto che gli alieni dal look identico agli esseri umani, proverrebbero da un duplicato geopolitico esatto della Terra, posto su un altro pianeta!.

-The Duplicate- Tales of Tomorrow VS Twilight Zone -Third from the Sun-


giovedì 9 maggio 2019

Il film thriller Soluzione Estreme (1996) nasce su Amazing Stories 1935

Nel 1935 nel mese di Marzo fu pubblicato su Amazing Stories il racconto di fantascienza-thriller "The Body Pirate" scritto da Ed Earl Repp. Il testo narra la storia di un chirurgo che rubava organi a senzatetto e pazienti per... 
L'idea di esperimenti e furti di organi ai danni d'innocenti fu poi ripresa dall'autore Michael Palmer che scrisse un moderno thriller, che Hollywood ebbe a portare sul grande schermo nel 1996 con il titolo "Extreme Measures - Soluzioni estreme" diretto dal regista Michael Apted.

martedì 7 maggio 2019

Weird Tales luglio 1953

Ho scaricato da Archives un campione di 44 mags di "Weird Tales" datate tra il 1927-1953. Il genere fantasy-horror non è una tipologia di lettura che mi piace, tuttavia "Weird Tales" non è una "pulp mag" da ignorare . Prima di passare ad un'analisi puntuale ed esaustiva del campione che ho scaricato, ho deciso di dare una rapida sbirciata a Weird Tales ad intervalli di 10 anni, per farmi un'idea del magazine e della sua evoluzione nel tempo.

Il contesto del 1953
Morì Stalin e Kruscev diventò segretario generale del Comitato Centrale, mentre in Italia fu varato l'ENI-Ente Nazionale Idrocarburi. I membri della CECA votarono la trasformazione della comunità in MEC con l'istituzione di enti sovra-nazionali. Tra accese polemiche il parlamento italiano vara la cosiddetta "legge truffa" (legge elettorale n. 148/1953), che introdusse un premio di maggioranza dando il 65% dei seggi della Camera dei deputati per la lista o il gruppo di liste che superassero il 50% dei voti. La legge non fu mai applicata perché, nelle successive elezioni la coalizione DC+PLI+PRI+PSDI raggiunse il 49,8% dei voti. Nel poligono di tiro di Semipalatinsk esplose la prima bomba H venti volte più potente di quella su Hiroshima. Un violento nubifragio, causò in Calabria alluvioni e nelle province di Reggio Calabria e Catanzaro, s'ebbero oltre cento morti. Edmund Hillary e Tenzing Norgay conquistarono l'Everest, la più alta vetta del mondo. La RAI trasmise la prima telecronaca di un evento sportivo: il secondo tempo di calcio Italia – Cecoslovacchia per la Coppa Internazionale, la partita fu vinta dall'Italia per 3 reti a 0 fu commentata da Nicolò Carosio.

Weird Tales del luglio 1953
Una donzella sexy che era seduta a gambe larghe su un cucchiao, mentre era circuita da un gigante verde: era questa la copertina disegnata da W.H.Silvey in Weird Tales Luglio 1953. Il magazine contava 100 pagine per $0.25 (+25% rispetto a 10 anni prima) offrendo 9 racconti (-35% di racconti rispetto a 10 anni prima), ed un editoriale. Era ancora latitante in Weird Tales la rubrica della posta con i lettori, TRE racconti Novelette, CINQUE Short Stories, 1 poema sono i nuovi contenuti proposti nel 1953 dal magazine, ogn cosa restò impaginato sempre per doppia colonna ma IMHO con un'interlinea lievemente più piccola di quella di 10 anni prima. Molti erano i disegni monocromatici, anche a piena pagina (sempre molto curati di dettagli) che erano allegati ai racconti, mentre era ampia e numerosa la pubblicità e le affissioni di prodotti venduti per corrispondenza che furono sparsi per il magazine. 

L'Affaire Verenekin di David Eynon, Il colonnello ha la teoria che la morte del giovane non deve far fronte ad un proprio errore.

NOVELETTE - The House in the Valley di August Derleth, Non è così comune ritenere che la mente umana in un sogno possa ricreare e duplicare l'esperienza aliena come quella esposta.

House of Life (poema)

NOVELETTE - Slaughter House di Richard Matheson, C'erano dicerie di fantasmi in quel vecchio posto ma nessuno dei fratelli vi avrebbe dato credito.

The Source of It di Glen Malin, Se solo avessi saputo che la fonte del male era la terra e che s'era sparsa malignamente tra la gente e stavano cercando d'accalappiarmi.

The Missing Room di Lyn Venable, Proprio come ogni giovane coppia che passeggiava e desideravano di avere quella vecchia casa ma come avrebbero mai potuto sapere che c'era una stanza segreta?!

On the Elevator di Joseph Payne Brennan, Le onde vibranti colpirono il marciapiede scuotendone le fondazioni sino in fondo, Che cosa c'era di segreto che aveva bollito tutto questo tempo in quel mare?!

Dread Summons di Paul Ernst, In quella vecchia e fantasmatica casa le urla del vecchio burraio s'infransero dentro il rumore esterno dell'affollata strada.

 NOVELETTE - The Sea Witch di Nictin Dyalis, prima una e poi tutte le altre girarono le proprie pupille morte fissandomi con curiosità.



A parte la vistosa assenza di una rubrica con i lettori, quanto uno spazio per gli annunci dai lettori per i lettori, la sensazione per un osservatore del XXI secolo che decida di sfogliare il magazine Weird Tales, è quella di visionare un CLONE di Amazing Stories/Wonder Stories 1930s-1940s declinato su un'altro genere di Fantascienza: il FANTASY-HORROR. Anche se non sono un appassionato del genere, riconosco che Weird Tales fu veramente una gran bella rivista, la fascinosa sorella DARK delle rivista Amazing Stories/Wonder Stories ed IF Worlds of Science Fiction (le quali avevano contenuti HARD SCIFI e SOFT FANTASY).