domenica 8 ottobre 2017

La DARPA scopiazza un'idea da Amazing Stories del Gennaio 1931

Presso Amazing Stories del Gennaio del 1931 comparve un racconto di fantascienza scritto da Harl Vincent, dove s'immaginava la presenza di serbatoi di benzina avio (galleggianti ed affioranti) per permettere agli idrovolanti  di rifornirsi; loschi individui però si nasconderanno nelle strutture per effettuare imboscate...



La DARPA dopo 85 anni, immagina di costruire droni dormienti sott'acqua per scopi d'intelligence, sorveglianza e ricognizione. L’Upward Falling Payloads una volta lanciato in mare, comunica la sua posizione costantemente ed entra in stand-by con un’autonomia (stimata) di anni. Quando necessario i militari attiverebbero l'UFP dalle profondità del mare, questi emergerebbero e come un drone (o sciami di droni) sarebbero anche in grado di volare e colpire un nemico.


Preparare il campo di battaglia in vista di futuri scontri (terrestri od
aeronavali) è un comportamento logico MA questi UPWARD FALLING PAYLOADS hanno dei limiti:
  • sono sistemi vulnerabili ai sottomarini (umani e robotici) che potrebbero essere spediti in esplorazione dai cinesi :-) per preparare il campo di battaglia, bonificandolo da minacce nemiche, prima di spedire il grosso della propria flotta.
  • sono dispositivi vulnerabili, in quanto potrebbero essere scoperti e catturati e quindi studiati per valutare soluzioni di hacking & disabilitazione, al fine d'interdire o persino renderli utilizzabili dal nemico, causando fuoco amico contro l'Us Navy